jump to navigation

Come proteggersi dagli schizzi dell’olio caldo September 29, 2009

Posted by Ipernova in : Scienza , trackback

Sssssssigla!

Po pi po po pi

Questo è il mo…

Pdin pdon pdin plonplin

Questo è il mo……

Papparaaaa Papparaaaa

Mo-men-to Scien-zaaaaaaa!

Salve amici, ben ritrovati al nostro Momento Scienza di oggi.

Oggi parleremo dell’effetto Leidenfrost. Lo sapevate cosa succede ad una goccia d’acqua se la si mette su una piastra con temperatura ben maggiore di 100°C? Se ne sta a galla senza evaporare anche per minuti!

Magia? Chiaroveggenza? O non insegnano bene la fisica a scuola?

Quello che succede è che si crea un sottilissimo strato di vapore tra la goccia e la piastra calda, e questo isola la goccia dal calore della piastra. Per assurdo, se la piastra è poco sopra i 100°C questa pellicola di vapore non si crea e la goccia sparisce in pochi istanti.

Ed a cosa ci serve l’effetto Leidenfrost? A tante cose naturalmente: aiuta Jucas Casella a camminare sui carboni ardenti, aiuta anche a vincere scommesse in fonderia mettendo la mano dentro il piombo fuso (ossia oltre i 370°C), ma soprattutto (ed è il nostro caso) a proteggerci degli schizzi dell’olio bollente della padella.

Attenzione però, se lo schizzo non è abbastanza caldo, o se la mano si è asciugata, l’effetto Leidenfrost non vi aiuterà più!

Ma per sapere il momento in cui bagnare ancora le mani c’è uno speciale dispositivo in dotazione ad ogni essere umano. Si chiama Sistema Limbico e genera una leggera sensazione che noi chiamamo “dolore da ustione”

E con questo, amici, concludiamo il nostro Momento Scienza di oggi. A presto! Sigla!

Parappapaaaaaa Pappadaaaaaaa

Poooo Poooo Paz

YouTube Preview Image

Comments»

1. ParkaDude - January 25, 2010

E io che continuavo a ustionarmi perche non lo sapevo! 😛

2. Riqz - January 28, 2010

Grande! C’è un episodio di Mythbusters in cui fanno proprio vedere quest’effetto e infilano proprio la mano bagnata in un metallo fuso senza bruciarsi!

3. Dottordivago - January 4, 2011

Mmm… quindici mesi senza un post…
Se ti sei stufato, okay, ma se sei morto fammelo sapere: scriverò un pezzo che farà piangere calde lacrime anche ai sassi.
Dottordivago

4. Paz - February 28, 2011

Sono vivo, sono vivo.
E’ che passo talmente tante ore di fronte al computer, che il mio diletto non lo prevede più.

Ma è da un po’ che voglio prendere in mano il defibrillatore

Paz