jump to navigation

Pura Anarchia March 7, 2008

Posted by Ipernova in : Arte , add a comment

Pura anarchiaRecentemente (ma neanche tanto) mi è stato regalato da una coppia di amici, l’ultimo bellissimo libro di Woody Allen chiamato “Pura Anarchia“. Tralasciamo il fatto che è stato un regalo azzeccatissimo, non è il primo libro di Allen che leggo, ed il suo stile mi piace assai.

Il libro contiene 18 racconti, molti dei quali ispirati da articoli di giornale (non so dire se veritieri o meno) che vengono in parte illustrati prima del racconto stesso. La regola che lega un racconto all’altro è appunto la Pura e Semplice Anarchia (in inglese “Mere Anarchy”). Spesso il finale è inaspettato e ben si combina con la comicità per assurdi che contraddistingue Allen.

La traduzione del libro sembra fedele (forse è per quello che, secondo molti, i libri di Woody Allen fanno schifo in confronto ai film, perché le battute non sono pre-masticate dal doppiaggio), a parte per un momento in cui viene citata la discutibile pratica sessuale del “Golden Shower”, traducendola in “Pioggia Dorata”.

Alcuni fra i titoli dei racconti sono:

  • Sam, questi pantaloni sono troppo fragranti
  • Papille fatali
  • Attenzione caduta magnati
  • Quando una disgrazia ti rende onniscente
  • Al di sopra della legge, al di sotto del materasso (il mio racconto preferito)
  • Così mangiò Zarathustra
  • Colpo di scena al processo Disney

Già dai titoli si riesce ad intuire l’andazzo dei racconti. Lo stile narrativo è quello tipico suo, e cioè quello di un cosmopolita newyorkese. Questo vuol dire che tramite immagini, battute ed allegorie, riesce a descrivere perfettamente le varie situazioni, ad es:

“Stubbs aveva tramortito Wilbur Nash e se l’era filata con sua moglie, non prima di aver messo al posto della donna una bambola gonfiabile. Dopo aver trascorso forse i tre anni più felici della sua vita, una sera Wilbur Nash aveva cominciato ad avere i primi sospetti, allorché aveva chiesto alla sua sposa dell’altro pollo e, improvvisamente, lei era schizzata per aria, svolazzando per la stanza in cerchi sempre più piccoli, fino ad afflosciarsi sulla moquette.”

La terra in quella regione è arabile e si trova per lo più a livello del suolo. Una volta l’anno, i venti impetuosi provenienti dai Kina Hurrah spazzano i campi privi di qualsiasi riparo, strappando i contadini dalle loro incombenze e depositandoli centinaia di chilometri più a sud, dove spesso finiscono per stabilirsi e aprire delle boutique.

Altro esempio della comicità di Allen si può facilmente carpire dalle scuse che danno i suoi personaggi. Quando qualcuno nei suoi libri o nei suoi film deve inventarsi una scusa per svignarsela, è in quel momento che Allen sfoggia i suoi Assi, come ad es:

“In effetti….” dissi, arretrando verso l’uscita di emergenza, “Be’… a proposito di farla finita, devo proprio andare. Ho un procione a casa che aspetta di essere munto.”

“Bene,” dissi, dissolvendo verso la porta. “Si è fatto tardi.. Alcuni miei amici stanno costruendo un granaio e…”

“No, grazie, davvero. Mi sa che sono arrivato all’ultima scatoletta di tonno e devo…”

Da principio, Nash e Stubbs proclamarono la propria innocenza sostenendo di essere un ventriloquo ed il suo pupazzo.

Questa è una comicità che io personalmente adoro, ma che non posso consigliare a chiunque. Spesso si deve essere ben irrorati di cultura americana poiché, anche se le note del traduttore a volte aiutano, si rischia di non capire molte delle battute.

Per concludere, cito la frase che viene anche citata nella quarta di copertina del libro :

Quello che so della fisica è che per un uomo sulla spiaggia il tempo scorre più in fretta che per un suo simile su una barca. Specialmente se l’uomo sulla barca è in compagnia della moglie.

Woody, non mi deludi mai.

Paz

La vita secondo Woody October 11, 2007

Posted by Ipernova in : Arte, Cinema, Del + e del - , add a comment

Woody Allen

Uno dei miei registi preferiti ed anche uno degli unici autori non-fantascientifici che mi piace leggere è Woody Allen. Adoro i suoi film per le battute a mitraglia che non ti danno tempo di ridere. Vi invito a leggere qui sotto la sua opinione sulla vita, ed a scoprire la sua genialità. Spero che questo vi porti anche a guardare qualcuno dei suoi film (in originale!).

A voi la lettura…

Paz

 

La vita dovrebbe essere vissuta al contrario. Tanto per cominciare si dovrebbe iniziare morendo, e così tricchete tracchete il trauma è bello che superato. Quindi ti svegli in un letto di ospedale e apprezzi il fatto che vai migliorando giorno dopo giorno. Poi ti dimettono perché stai bene e la prima cosa che fai è andare in posta a ritirare la tua pensione e te la godi al meglio. Col passare del tempo le tue forze aumentano, il tuo fisico migliora, le rughe scompaiono. Poi inizi a lavorare e il primo giorno ti regalano un orologio d’oro. Lavori quarant’anni finché non sei così giovane da sfruttare adeguatamente il ritiro dalla vita lavorativa. Quindi vai di festino in festino, bevi, giochi, fai sesso e ti prepari per iniziare a studiare. Poi inizi la scuola, giochi con gli amici, senza alcun tipo di obblighi e responsabilità, finché non sei bebè. Quando sei sufficientemente piccolo, ti infili in un posto che ormai dovresti conoscere molto bene. Gli ultimi nove mesi te li passi flottando tranquillo e sereno, in un posto riscaldato con room service e tanto affetto, senza che nessuno ti rompa i coglioni. E alla fine abbandoni questo mondo in un orgasmo.

Woody Allen