jump to navigation

Come proteggersi dagli schizzi dell’olio caldo September 29, 2009

Posted by Ipernova in : Scienza , 4comments

Sssssssigla!

Po pi po po pi

Questo è il mo…

Pdin pdon pdin plonplin

Questo è il mo……

Papparaaaa Papparaaaa

Mo-men-to Scien-zaaaaaaa!

Salve amici, ben ritrovati al nostro Momento Scienza di oggi.

Oggi parleremo dell’effetto Leidenfrost. Lo sapevate cosa succede ad una goccia d’acqua se la si mette su una piastra con temperatura ben maggiore di 100°C? Se ne sta a galla senza evaporare anche per minuti!

Magia? Chiaroveggenza? O non insegnano bene la fisica a scuola?

Quello che succede è che si crea un sottilissimo strato di vapore tra la goccia e la piastra calda, e questo isola la goccia dal calore della piastra. Per assurdo, se la piastra è poco sopra i 100°C questa pellicola di vapore non si crea e la goccia sparisce in pochi istanti.

Ed a cosa ci serve l’effetto Leidenfrost? A tante cose naturalmente: aiuta Jucas Casella a camminare sui carboni ardenti, aiuta anche a vincere scommesse in fonderia mettendo la mano dentro il piombo fuso (ossia oltre i 370°C), ma soprattutto (ed è il nostro caso) a proteggerci degli schizzi dell’olio bollente della padella.

Attenzione però, se lo schizzo non è abbastanza caldo, o se la mano si è asciugata, l’effetto Leidenfrost non vi aiuterà più!

Ma per sapere il momento in cui bagnare ancora le mani c’è uno speciale dispositivo in dotazione ad ogni essere umano. Si chiama Sistema Limbico e genera una leggera sensazione che noi chiamamo “dolore da ustione”

E con questo, amici, concludiamo il nostro Momento Scienza di oggi. A presto! Sigla!

Parappapaaaaaa Pappadaaaaaaa

Poooo Poooo Paz

YouTube Preview Image

Il dialogo che portò alla stesura del film “Twilight”… io c’ero September 21, 2009

Posted by Ipernova in : Del + e del - , 4comments

Cast del film Twilight

Nella stanza eravamo in 4. Oltre a me c’erano: la regista Catherine Hardwicke, la sceneggiatrice Melissa Rosenberg, e l’attore Robert Pattinson (che è rimasto tutto il tempo a mettersi a posto il ciuffo).

In realtà eravamo in 5, ma l’autrice del libro Stephenie Meyer, se ne stava in un cantuccio a contare il malloppo di soldi.

Paz: Signore si mette male. Sarà un film di vampiri e già il fatto che la scrittrice, la sceneggiatrice e la regista siano donne è un fatto abbastanza preoccupante.

Melissa: Allora, volevo fare un miscuglio tra Dawson Creek, Gossip Girl e Buffy, l’acchiappa vampiri.

Catherine: Ottima idea Mel!

Paz: Cominciamo bene!

Melissa: Volevo fare qualcosa da fare inebriare tutte le ragazzine adolescenti, ma anche quelle cresciute, facendole innamorare, senza limiti di età e di cultura.

Paz: Questo è praticamente impossibile. Nel mondo ci sono 21enni estremamente religiose e puritane, così come 13enni estremamente lascive. Se preparate qualcosa per un pubblico non riuscirete a conquistarvi l’altro.

Catherine: Ho un’idea! Facciamo che il personaggio principale è un vampiro che però non può trombarsi la tipa perché i suoi istinti finirebbero per ammazzarla, e quindi loro non fanno sesso perché si amano troppo.

Paz: che cagata…

Cath: e poi facciamo una scena in cui loro stanno quasi per farlo però lui inizia ad essere un po’ violento e poi si tiene

Paz: almeno poi scappa per non farle del male?

Cath: No, no. Dopo lui dice, “è meglio se non lo facciamo, ma possiamo chiacchierare”. E allora restano lì a sorridere e chiacchierare abbracciati.

Paz: E tutta quella robaccia sugli istinti incontrollabili?

Melissa: Cath, sei un genio! E poi avrei anche un’altra idea. Facciamo che il personaggio principale è un adolescente col ciuffo, che però è diventato vampiro da giovane e quindi è quasi un secolo che è adolescente. Così in pratica è un giovane intellettualoide come Dawson.

Cath: Sì dai! Facciamo anche che lui e i suoi 5 fratelli sono figli di un dottore e che siccome vivono così da un sacco di tempo, sono anche ricchissimi!

Paz: No, aspetta. Ci sono 5 figli adolescenti con relative automobili, che fanno le superiori e non lavorano da quasi un secolo, e vorresti dirmi che uno che fa il dottore in un ospedaletto riesce ad accumulare ricchezza?

Mel: Macchenesai tu quanto prende un dottore? Secondo me prende tantissimo. E comunque io farei anche che la ragazza è un po’ sfigata e cambia scuola, così tutte le pischelle idiote si riconoscono. E facciamo anche che il vampiro prova un’irresistibile attrazione immotivata per lei. Così tutte le imbecilli potranno pensare “Ma se è istintiva e immotivata, allora potrebbe essere innamorato anche di me”!

Paz: Melissa, tu andrai all’inferno.

Cath: Per quanto riguarda la casa dei vampiri, facciamo che ascoltano musica classica, così rafforziamo la menata del principe delle tenebre che alle adolescenti piace, e poi facciamo che siccome non dormono, non hanno letti!

Mel: Che genialata, così ci allontaniamo proprio dalla sfera sessuale e ci accalappiamo tutto il pubblico di Harry Potter.

Robert: Harry Potter? Io ho fatto un film con lui. Gli ho chiesto, ma non mi ha fatto le magie.

…silenzio…

Cath: Certo Robert, dai vai fuori che ci sono le moto…

Paz: Non potete inventarvi tutte queste menate. Questi sono vampiri! Come pensate di risolvere il fatto che i vampiri non stanno alla luce? Nell’immaginario popolare si squagliano, o quantomeno sembrano dei morti in decomposizione!

Mel: Per quello avevo già pensato a qualcosa. Allora nella città dove stanno piove sempre.

Paz: Che cagata.

Mel: E poi quando c’è sole loro non vanno a scuola.

Cath: Ottimo. Poi al momento in cui lui si mostra sotto il sole alla sua innamorata, la sua pelle brillerà come un gloss da 4 soldi. E lui dirà “Siamo troppo diversi per andare in giro” e lei dirà “sei bellissimo”.

Paz: Ma siete fatte di qualcosa? Ma che cagata è?

Mel: Sarà un successone! Credo che dovremmo dotarli anche di grande forza. Cath, hai portato una simulazione di quella scena in cui lui si arrampica in un albero a folle velocità e quell’altra in cui corre in mezzo al bosco?

Cath: Sìsì, eccola

Parte il filmato di una quindicina di secondi.

Paz: Sembrano i Flinstones quando spingolo la macchina! Che i piedi spingono e corrono prima che la macchina parta e c’è quel rumore inconfondibile che tutti conoscono.

Cath: Paz, Abbiamo speso 25 mila dollari per questi 15 secondi.

Paz: E li avete spesi male! Dai, sembra che lo stanno tirando su con un argano e lui fa finta di pedalare con braccia e gambe. Ma cazzo, non avete imparato niente da Spider-Man?

Mel: Per me è ottimo, aggiudicato. Robert e Stephenie, voi cosa ne pensate?

Stephenie: ’tisei… ’tisette.. ventotto.. ventinove.. trenta (sospiro)… trentuno… ‘tadue.. ‘tatre…

Robert: uuuuuh…..Ieri per sbaglio ho fatto la cacca nel bidet, ma la mamma non si è arrabbiata…

Paz: Robert, tesoro, dai..se fai il bravo lo zio ti porta a mangiare il gelato

Cath: bene, direi che abbiamo concluso. Dobbiamo aggiungere solo le solite americanate ed è finita.

Paz: e cioè?

Mel: Al manicheismo ci penso io. Facciamo un gruppo rivale, un po’ hippy, vestiti come dei comunisti, e senza regole che fanno i cattivi. E poi ad un certo punto giocano qualche sport in famiglia

Cath: Tipo il baseball!

Paz: Basta! Io mi ritiro, non ho intenzione di partecipare ad un flop cinematografico di questa proporzione

Cath: Mel, speriamo si bevano sta cagata

E’ andata così, ve lo giuro

Paz

Little Stevie Wonder il genio di 12 anni September 9, 2009

Posted by Ipernova in : Musica , add a comment

Perché ci si renda quanto Stevie Wonder fosse un fenomeno come pochi, pubblico qui sotto uno dei filmati del giovane Stevie all’età di 14 anni:

Tra l’altro è molto divertente vederlo ballare! Come avrà imparato le mosse?

YouTube Preview Image

Paz

P.S.: C’era un video di lui che cantava la stessa canzone a 12 anni che era splendido, però l’hanno tolto da UTube

AAA Escort 25enne cercasi August 28, 2009

Posted by Ipernova in : Del + e del - , add a comment

gag berlusconi escort 25 anni

Paz

Videocracy, il documentario censurato dalla Rai August 27, 2009

Posted by Ipernova in : Democrazia , 1 comment so far

Videocracy è un documentario prodotto da Fandango e diretto da Erik Gandini (svedese italianizzato, o viceversa) che parla della rivoluzione culturale apportata in Italia dalla TV commerciale. Vale a dire la TV che ha lo scopo di guadagnare soldi.

Non c’è niente di male nel voler guadagnare soldi, le più grandi nazioni basano il loro benessere appunto su questo principio. Tuttavia in Italia (ma anche in altri paesi del terzo mondo) la TV commerciale ha avuto un effetto un po’ troppo rilevante.

Il documentario racconta la storia italiana a partire da un esperimento 30 anni fa fino a cosa siamo diventati oggi. Fa vedere con sguardo critico cosa sia successo nel tempo e la conclusione è una fotografia della società odierna. Se la fotografia fa schifo, credo sia più probabile che la colpa sia della società, e non della telecamera.

Comunque, nonostante ciò, la Rai ha impedito la visione del Trailer sui suoi canali. Capisco che lo faccia Mediaset, ma che lo faccia anche la Rai vuol dire che siamo proprio proprio messi male. Certo di compensare l’assenza del Trailer nei canali della TV pubblica, vi metto qui sotto il trailer “allungato” del documentario. 😉

Mi raccomando, a partire dal 4 Settembre uscirà in tutte le sale!

YouTube Preview Image

Paz

L’Isinbayeva è stata sconfitta dall’ammmòre August 19, 2009

Posted by Ipernova in : Del + e del - , add a comment

Isinbayeva

Durante un’intervista della Isinbayeva al sito Rusathletics.com si legge a chiare lettere:

– А на что вы отвлекались?

– Но вы поймите! Я молодая девушка,  я  еще не замужем и  естественно, мне хочется личной жизни, какой –то другой, полной жизни! Теперь я понимаю, что оставшиеся четыре года я должна посвятить прыжкам с шестом. Я должна быть полностью сконцентрирована, спорт обязан быть на первом месте в моей жизни. Ведь если ты изменяешь спорту, то он  тебя не прощает.

Incredibile, vero? Ma per correttezza vi traduco in italiano:

– E cosa ti ha distratta?

– Dovete capire! Io sono una giovane ragazza. Non sono ancora sposata e, naturalmente, voglio una vita privata, qualcos’altro, una vita piena! Ora capisco che devo dedicare i prossimi 4 anni al salto con l’asta. Devo focalizzarmi totalmente; lo sport deve occupare il primo posto nella mia vita. Infatti, se tu tradisci lo sport, lui non te lo perdonerà

Insomma, un’altra vittima dell’ammmòre! E già che ci siamo speriamo che questo ammmòre dilaghi fra le altre finaliste di questi mondiali.

Paz

Canta Guzzanti! Canta come un usignolo! August 5, 2009

Posted by Ipernova in : Del + e del - , 1 comment so far

Leggo su Repubblica (il Corriere è stato molto più parziale e non gli ha dato la giusta rilevanza) il caso sollevato da Paolo Guzzanti nel suo blog.

Vale a dire quelle famose intercettazioni in cui teoricamente si scopriva che la Carfagna l’aveva data a qualcuno e di altri scambi vari. Ecco, tutto era finito nel nulla, finché il mio nuovo eroe Paolo Guzzanti (in realtà era già mio eroe visto che le sue gonadi hanno sfornato Corrado, Sabina e l’altra sorellina) tira fuori di nuovo la storia raccontando dettagli raccapriccianti e soprattutto disposto a dire nomi, cognomi e informazioni ad un magistrato.

Quali dettagli?

“Rapporti anali non graditi, ore e ore di tormenti in attesa di una erezione che non fa capolino, discussioni sul prossimo set, consigli fra donne su come abbreviare i tormenti di una permanenza orizzontale pagata come pedaggio”

Adesso, caro Paolo, canta! Canta come un usignolo! Voglio vederli tutti quanti presi a calci, ma soprattutto confido nel desiderio di Gossip degli italiani.

P.S.: L’immagine della donna in Italia, dopo questa, probabilmente dovrà subire un forte restyling.

Paz

Votare Grillo, anche se di politica non sa niente July 13, 2009

Posted by Ipernova in : Del + e del - , 6comments

beppe grillo e pubblicoPer buon tempo ho letto il blog di Beppe Grillo, e mi è sempre piaciuto il suo dialogo iconoclasta.

Questo non vuol dire che si debba prendere per oro colato tutto quello che dice, di cazzate ne spara parecchie visto che le spara a 360°. Questo si nota quando Grillo parla di qualcosa che tu (generico) conosci benissimo, allora ti cascano un po’ le palle e pensi “ma se anche le altre cose sono trattate in maniera così approssimativa, allora…”. Infatti ultimamente non è che lo seguo tantissimo. Tuttavia le sue argomentazioni ed i suoi punti di vista, proprio perché hanno come nobile fine il CAMBIAMENTO, devono essere presi in considerazione.

Visto il puttanaio in cui ci troviamo e visto che sta andando sempre in peggio, forse è arrivata l’ora di dare un calcio in culo al sistema e ribaltarlo. Stilo qui una lista di pro e contro (attendendo il vostro contributo) del perché a mio avviso si dovrebbe eleggere (o meno) il buon, ma soprattutto vecchio, Beppe Grillo:

Pro:

  1. L’Italia ha una popolazione che se non è stupida, è mal informata. Con questa cattiva informazione non si riuscirà mai ad eleggere la persona giusta, bensì solo la più popolare
  2. Ad oggi non esiste una persona che riesca a battere in carisma il Silvio e quindi l’attuale situazione porterà sempre alla sua elezione
  3. Se tutto quello che abbiamo fatto fino adesso non ha funzionato e l’Italia è in stallo da vent’anni o più, sarà ora di adottare un atteggiamento completamente diverso
  4. Senza libera informazione (dei Telegiornali) è inutile avere l’ottimo Franceschini. Gente come lui e la Serracchiani non verranno mai eletti se la gente è disinformata. Grillo può cambiare questa situazione, fatto ciò si potrà costruire una nuova politica basata sull’onesta e sul buon esempio
  5. Grillo dal punto di vista morale è ad anni luce di distanza da chi ci governa
  6. Grillo è l’unica persona che può raggiungere un consenso popolare elevatissimo
  7. Grillo spara tante cazzate, ma una volta al governo, dovrà fare i conti con la vera realtà e molte delle sue sparate verrebbero ridimensionate

Contro:

  1. La politica è un arte e Grillo non è un politico
  2. Grillo per stare in piedi dovrebbe governare il sistema putrido che sta sotto di lui, cosa che potrebbe non essere in grado di fare. Rischia quindi di essere divorato
  3. Se invece di rafforzare il partito si rafforza un personaggio, si fa la fine della destra con Berlusconi

Se Grillo riempie palazzetti facendo pagare 40€, quante persone credete verranno ad ascoltarlo se il biglietto sarà gratuito? Abbiamo un colpo in canna, usiamolo bene.

Paz

Caro passante di Mestre… June 26, 2009

Posted by Ipernova in : Del + e del - , add a comment

Caro Passante di Mestre, abbiamo aspettato per tanto tempo il tuo avvento, e adesso oramai stai facendo i tuoi primi passi.

Mi pare addirittura tu stia già parlando con l’A27, cosa per’altro desiderata da molti.

Ma se i tuoi splendidi cartelloni a Led dicono a caratteri cubitali ” RO E TECN E”, forse è meglio che le Prove Tecniche le fai prima ai cartelloni, e poi ai caselli.

Paz

Come si nasconde una notizia June 22, 2009

Posted by Ipernova in : Democrazia , 2comments

Siccome qui in Italia ci potrebbe servire, vi racconto come funziona un impeachment.

In Brasile, a metà anni ’90, il primo presidente eletto direttamente dalla popolazione lo ha subito dopo 2 anni. E’ un paese di terzo mondo, ma per certi aspetti non scherza.

Funziona così:
1- Un presidente eletto combina una cazzata che non dovrebbe combinare
2- Il popolo lo viene a sapere e si incazza
3- La pressione del popolo e della stampa è talmente tanta che deputati e senatori (per non sfigurare di fronte ai propri elettori) votano una mozione a favore dell’esclusione dal governo del presidente eletto.
4- Al presidente uscente si sostituisce il suo vice.

La situazione in Italia è la seguente:
1- Un presidente eletto (ok, Primo Ministro) combina una o più cazzate
2- Il popolo non lo viene a sapere, oppure sa poco e si indispettisce leggermente
3- Dopo un po’ di trambusto l’attenzione della popolazione viene deviata verso qualcos’altro.

E’ da notare che qui in Italia, deputati e senatori non hanno degli elettori ai quali rendere conto, quindi ammettendo di arrivare al punto 3 dell’impeachment, in Italia nessuno voterebbe contro un Primo Ministro potente perché alle prossime elezioni il partito gli taglierebbe le gambe.

E così, il raggiro democratico viene compiuto. Senza la vigilanza del popolo, la politica non funziona. Tale vigilanza è in Italia compiuta quasi esclusivamente dai TG. Ecco cosa dice RepubblicaTV al riguardo in un servizio davvero interessante… (more…)